Torna al Blog

Albo Certificatori crediti R&S: in Gazzetta Ufficiale il decreto con le regole

Con il Dpcm 15 settembre 2023, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale a novembre e in vigore dal 19 novembre, è istituito l’Albo dei soggetti abilitati al rilascio delle certificazioni attestanti la qualificazione delle attività di ricerca e sviluppo, di innovazione tecnologica e di design e ideazione estetica ai fini del riconoscimento del credito d’imposta nelle attività di ricerca e sviluppo e anche della qualificazione delle attività di innovazione tecnologica finalizzate al raggiungimento di obiettivi di innovazione digitale 4.0 e di transizione ecologica, per il riconoscimento del credito d’imposta in misura maggiorata.

I certificatori: chi può iscriversi all’albo
All’Albo possono iscriversi sia persone fisiche che imprese ed enti: in ogni caso, per ciascuna categoria, vanno rispettate alcune condizioni.

Le persone fisiche devono essere in possesso di una laurea idonea rispetto all’oggetto della certificazioni e devono aver svolto, nei tre anni precedenti la data di presentazione della domanda d’iscrizione, comprovate e idonee attività relative alla presentazione, valutazione o rendicontazione di almeno quindici progetti, collegati all’erogazione di contributi e altre sovvenzioni relative alle attività di ricerca, sviluppo e innovazione. 


Le imprese e gli altri organismi (centri di trasferimento tecnologico in ambito Industria 4.0, centri di competenza ad alta specializzazione, poli europei dell’innovazione digitale – Edih e Seal of excellence – università statali e non statali, legalmente riconosciute, ed enti pubblici di ricerca), per i quali certifica il/i responsabile/i tecnico/ci, inoltre, devono avere la sede legale o l’unità locale attiva sul territorio nazionale, essere iscritte all’apposito Registro, non essere sottoposte a procedura concorsuale e non devono trovarsi in stato di liquidazione volontaria o liquidazione giudiziale, di amministrazione controllata, di concordato preventivo o in qualsiasi altra situazione equivalente. Le imprese, in aggiunta, non devono essere destinatarie di sanzioni interdittive.

Tanto premesso, il decreto in esame stabilisce che l’Albo sarà tenuto presso la direzione generale per la politica industriale, l’innovazione e le Pmi del Ministero delle Imprese e del Made in Italy, la quale, con decreto direttoriale, da emanare entro novanta giorni dall’entrata in vigore della norma in commento definirà le modalità informatiche e i termini, per la presentazione delle domande di iscrizione all’Albo, nonché le ulteriori regole e procedure per la verifica delle domande di iscrizione.


Procedura e contenuto della certificazione
La certificazione può esser richiesta da coloro che hanno effettuato o intendono effettuare investimenti in attività ammissibili ai crediti d’imposta, a condizione che le violazioni relative all’utilizzo di tali crediti non siano state già constatate con Pvc o contestate con atto impositivo.


A questo proposito le imprese interessate devono inoltrare una specifica richiesta al Ministero delle Imprese e del Made in Italy, tramite l’apposito modello, che sarà approvato con il richiamato decreto direttoriale. Nel modulo dovranno essere indicati il certificatore incaricato e gli estremi della sua accettazione.
La certificazione deve comunque contenere, oltre alla sottoscrizione:

 

  • le informazioni concernenti le capacità organizzative e le competenze tecniche dell’impresa, per attestarne l’adeguatezza rispetto all’attività effettuata o programmata

  • la descrizione dei progetti o dei sotto-progetti realizzati o in corso di realizzazione e delle diverse fasi inerenti agli stessi ovvero, nel caso degli investimenti non ancora effettuati, la descrizione dei progetti o sotto-progetti da iniziare

  • le motivazioni tecniche sulla base delle quali viene attestata la sussistenza dei requisiti per l’ammissibilità al credito d’imposta o il riconoscimento della maggiorazione di aliquota

  • la dichiarazione del certificatore incaricato di non trovarsi in situazioni di conflitto di interesse e di non avere rapporti diretti o indiretti di partecipazione o cointeressenza nell’impresa certificata o comunque altri interessi economici ricollegabili agli investimenti

  • tutte le ulteriori informazioni e gli altri elementi descrittivi ritenuti utili dal certificatore per la completa rappresentazione della tipologia agevolativa, per favorire le attività di vigilanza da parte del Mimit e quelle di controllo dell’Agenzia delle entrate.

 

 

Entro il prossimo 31 dicembre, infine, per la corretta applicazione dei crediti d’imposta il ministero delle Imprese e del Made in Italy pubblicherà le “Linee Guida”, con le quali potranno essere adottati specifici schemi di certificazione riferiti alle diverse tipologie di investimenti ai differenti settori economici.

Contattaci per una pre-analisi gratuita e senza impegno

Valuteremo insieme le tue necessità e ti proporremo un piano d’azione per reperire i capitali di cui hai bisogno.

Come identificheresti la tua attività? Scegli una delle tipologie indicate qui di seguito:
Questo sito è protetto da reCAPTCHA e applica le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità e consigli finanziari utili alla tua attività.