Torna al Blog

Credit crunch: le aziende si rivolgono alle fintech

Il nostro Paese sta, da qualche tempo, vivendo un periodo di “credit crunch”, ovvero la cosiddetta stretta al credito che le banche italiane stanno attuando a causa delle recenti e sconfortanti notizie del crac di importanti banche straniere.

Banca d’Italia ha fornito dei dati che confermano i timori: a febbraio 2023 i crediti verso le aziende sono diminuiti dello 0,5%. Per il momento la percentuale è abbastanza contenuta ma se si pensa al periodo dello scoppio della pandemia (febbraio 2020) il calo aveva registrato un 1,2% quindi non siamo poi così distanti.

I timori legati al difficile periodo di congiuntura economica e geopolitica stanno spingendo le banche a stringere i rubinetti ma, al contrario, le banche “fintech” mostrano segnali incoraggianti.

I prestiti alle aziende, infatti, erogati dalle fintech hanno superato i 2 miliardi di euro facendo registrare un incoraggiante +49% rispetto al periodo dell’anno precedente.

Questa tendenza sembra essere confermata anche nell’anno in corso portando quindi le fintech ad essere considerate sempre di più come partner strategico nel sostenere le PMI italiane.

Sono proprio le piccole e medie imprese, vera linfa vitale dell’economia italiana, ad essere penalizzate dalla stretta al credito e questo fa sì che le aziende si rivolgano alle fintech con maggiore fiducia.

Le banche digitali stanno quindi passando da essere un’alternativa al canale bancario ad un canale complementare alle banche tradizionali seppur con qualche limite dovuto principalmente al costo di provvista; mentre le banche tradizionali riescono a impiegare il denaro generalmente a tassi d’interesse più contenuti, le fintech spesso non hanno lo stesso costo d’approvvigionamento e quindi gli spread applicati sono solitamente più elevati.

Se è vero che le fintech sono quindi più care, è anche vero che il divario si sta assottigliando visto l’importante innalzamento dei tassi d’interesse.

Ma in un aspetto le fintech sono spesso vincenti: il tempo. Meccanismi di scoring automatici ed esternalizzazione del caricamento delle richieste sono fattori strategici sui cui le fintech sono avanti rispetto alle banche tradizionali.

                                                                                                                                                                 (Fonte: Fintech Media Finance)

La nostra società è da sempre accanto alle PMI italiane e, allo stesso tempo, detiene partnership con tutte le più importanti fintech presenti sul mercato: per qualsiasi esigenza di liquidità o per approfondire al meglio l’argomento, potete rivolgervi a noi e saremo pronti a illustrarvi queste opportunità.

Contattaci per una pre-analisi gratuita e senza impegno

Valuteremo insieme le tue necessità e ti proporremo un piano d’azione per reperire i capitali di cui hai bisogno.

Come identificheresti la tua attività? Scegli una delle tipologie indicate qui di seguito:

Iscriviti alla nostra newsletter

Ricevi novità e consigli finanziari utili alla tua attività.